Un progetto ambizioso per fare conoscere e divulgare la fisica al maggior numero di persone. A partire dai più giovani. L’intervento di John Elkann, il ricordo di Sergio Marchionne, la donazione di Stellantis attraverso FCA Foundation, il ruolo della Fondazione Agnelli

Oggi a Ginevra è stata posata la prima pietra del Science Gateway del CERN, un passaggio ulteriore e simbolicamente significativo del percorso che sta portando alla nascita del nuovo centro per l’educazione scientifica e la cultura, il cui progetto è stato presentato per la prima volta nel 2019 e che vede Stellantis, attraverso la FCA Foundation, come maggiore sostenitore.

Fabiola Gianotti, Direttore Generale del CERN, John Elkann, Presidente di Stellantis, di FCA Foundation e della Fondazione Agnelli, Renzo Piano, architetto e fondatore del Renzo Piano Building Workshop che ha progettato il Science Gateway, e Antonio Hodgers, in rappresentanza del Cantone di Ginevra, erano presenti all’evento. Ursula Bassler, Presidente del Consiglio del CERN, ha partecipato all’evento da remoto.

“Noi di Stellantis – ha dichiarato John Elkann – crediamo fortemente nell’importanza dell’istruzione e guardiamo con particolare interesse ai settori della scienza e della tecnologia. Come abbiamo imparato nell’ultimo anno, affrontando e superando la crisi legata al Covid-19, pensiamo che promuovere l’istruzione STEM sia il modo più efficace per contribuire a mantenere le nostre società aperte e sicure. Siamo onorati di sostenere un  progetto ambizioso e innovativo come il Science Gateway, il cui scopo è stimolare la curiosità e far conoscere e amare la scienza in ogni sua dimensione dal maggior numero di persone possibile, dai bambini fino agli adulti di ogni età. Il nostro impegno in un contesto così stimolante è anche un modo per onorare la memoria di Sergio Marchionne, la sua poliedrica curiosità intellettuale e la sua passione per la fisica, per i suoi metodi rigorosi e evidence-based e tuttavia sempre aperti alla creatività”.

Il Science Gateway si prevede aprirà le sue porte nel 2023 e sarà ospitato nella nuova iconica struttura “carbon neutral” progettata dallo studio di architettura di Renzo Piano Building sul sito del CERN a Meyrin. Con una superficie di 7.000 metri quadrati, il Science Gateway metterà a disposizione una molteplicità di spazi e attività, a partire da mostre che sveleranno i segreti della natura, dall’infinitamente piccolo (particelle elementari) all’infinitamente grande (struttura ed evoluzione dell’universo). Altre mostre saranno dedicate ai fondamentali esperimenti condotti dal CERN, grazie ai propri acceleratori, a come gli scienziati usino queste risorse nelle loro ricerche ed elaborino i dati raccolti, e infine alle applicazioni concrete e ricadute per la società che possono generare le tecnologie sviluppate in questi campi della ricerca in fisica. L’approccio sperimentale sarà un ingrediente fondamentale del vasto programma educativo del Science Gateway, mentre le attività immersive permetteranno ai visitatori di provare in prima persona cosa significhi essere uno scienziato. Sviluppare il pensiero critico e l’analisi fondata sul metodo scientifico, strumenti oggi importanti qualunque sia il percorso che si intraprenderà nella vita, è l’obiettivo che riassume sinteticamente le ragioni del Science Gateway.

Come parte del portafoglio educativo del Science Gateway, il CERN e Stellantis, attraverso la FCA Foundation e con la consulenza della Fondazione Agnelli, svilupperanno un importante progetto di didattica della fisica inquiry-based rivolto a docenti e studenti di tutte le scuole medie italiane, che sarà presentato nei prossimi mesi.

Allegati

  • MP4 - 96 MB

    Video - Intervista a Fabiola Gianotti

  • MP4 - 93 MB

    Video - Intervista a Renzo Piano

  • PDF - 87 KB

    Comunicato Stampa Stellantis - Prima pietra del CERN Science Gateway