Le risorse liberate dalla diminuzione degli studenti possono essere reinvestite in edilizia scolastica e nuova didattica. Ne parla Andrea Gavosto su La Stampa

Allegati

  • Documento PDF - 185 KB

    La Stampa 03 09 2019